L'Arzente

Ogni tanto, qualcuno dei nostri politici accusa altri politici di essere fascisti; oppure, di non essere sufficientemente antifascisti.
Nell’improbabile caso in cui io impazzissi definitivamente e decidessi di darmi alla politica, ci tengo a precisarlo una volta per tutte: io sono profondamente, visceralmente, completamente, antifascista.

Ma mica per quei dettagli tipo la Seconda Guerra Mondiale, eh.
O per i diciott’anni di dittatura.
O per l’orrore delle leggi razziali.
No no, io sono antifascista per quella insopportabile mania di italianizzare tutti i nomi stranieri, che è allegramente andata avanti per tutta la durata del Ventennio. Da "basket" a "pallacanestro", da "brandy" a "acquavite", da "Sauze d’Oulx" a "Salice D’Ulzio", da "rugby" a "gioco della palla ovale" (!).

Sì, insomma: sono antifascista in quanto bibliotecaria.
Sarebbe diventato antifascista pure Galeazzo Ciano, se avesse dovuto catalogare al posto mio quel celeberrimo capolavoro della drammaturgia inglese elisabettiana:
Il Maccabetto, di Guglielmo Sciachespiro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...