[Pillole di Storia] La donazione di Costantino

Correva l’anno 315, a dar retta alla leggenda. Costantino, tutto contento, avendo appena festeggiato la sua vittoria su sui suoi nemici, era andato a letto una sera con un sorrisone a trentadue denti… e s’era risvegliato la mattina dopo con uno strano senso di malessere. Presente, cosa intendo? Come quando stai covando una malattia. Ora, […]

Read More…

“Credo in un solo Dio, che è anche figlio di se stesso”

Consiglio per il futuro: quando vi chiederanno, l’anno prossimo, quale penitenza avete intenzione di fare per la Quaresima, voi NON pensate a digiuni, o sacrifici, o mortificazioni corporali,. Piuttosto, annunciate di voler scrivere un nuovo post sul vostro blog, ogni giorno, per ogni giorno di Quaresima che Nostro Signore manda in terra (e, possibilmente, organizzatevi […]

Read More…

Costantino e il suo editto

L’Editto di Milano risale a qualche mese dopo: siamo all’inizio del 313. Costantino, dopo aver sconfitto le truppe di Massenzio, è ufficialmente diventato Imperatore della parte ovest dell’Impero. Ad est, nei territori orientali, regna Licino, che è succeduto all’Imperatore Galerio defunto nel 311. Per rinsaldare l’unione fra questi due nuovi “co-imperatori”, Costantino decide di dare […]

Read More…

[Ma che sant’uomo] In hoc signo

E insomma: la storiella è talmente nota che non val nemmeno la pena di raccontarla coi miei toni da “Ma che sant’uomo”, ché non è mica facile strappare un sorriso raccontando una storia nota e arcinota a tutti. Buttiamola sul piano culturale, e riproponiamo la vicenda di Ponte Milvio con le precise parole esatte usate […]

Read More…

[Pillole di Storia] La persecuzione di Diocleziano

Lattanzio sembra saperla lunga, su come andarono le cose. In un cerimonia solenne, nel palazzo di Nicomedia, l’Imperatore Diocleziano stava offrendo sacrifici agli dèi, affinché gli indovini di corte potessero leggere nelle viscere il futuro della potente Roma. Fra i funzionari di corte erano presenti alcuni cristiani (ormai la cosa non scandalizzava più nessuno); e, […]

Read More…

[Pillole di Storia] La grande opera di Dio

Ma com’era possibile che un alto funzionario romano ci provasse con la sua bella parlando esplicitamente del “suo Signore”, al singolare? Beh: era passata appena una ventina d’anni dalla persecuzione di Valeriano; ma le cose, per la Chiesa cristiana, erano cambiate profondamente… *** Rispetto ai suoi predecessori, Valeriano era stato un imperatore decisamente più fortunato. […]

Read More…

[Ma che sant’uomo] Il braccialetto d’argento

Rimase a guardarla di lontano, silenziosamente, senza fare nulla che potesse attirare la tua attenzione. Forse, lei non si era neanche accorta di quello straniero che la stava osservando; ed era un bene, pensò Costanzo, perché in caso contrario non sarebbe stata così naturale. Così spontanea e disinvolta e splendida. Rimase a guardarla di lontano, […]

Read More…

Quei buffi mattacchioni dei Santi cefalofori

Arieccomi tornata, dopo una lunga pausa causa influenza. Peraltro, vorrei che fosse messo agli atti: io mi ero portata avanti con i post in modo tale da essere “coperta” anche in caso di contrattempi; ma, verso la fine di Carnevale, non immaginavo di star andando incontro a un mese in cui, a conti fatti, ci […]

Read More…

Il corpo delle donne (martiri)

Sotto le persecuzioni dell’Imperatore Valeriano morirono diversi martiri fra cui, ad esempio, San Cipriano di Cartagine, San Lorenzo (quello della graticola), Papa Sisto II, e molti altri. Come accennavo in precedenza, questa però è stata una persecuzione “maschilista”, nel senso che ha ucciso solo individui maschi, consacrati, membri del clero. Laici, donne e bambini, in […]

Read More…