Alexei Trupp, il lacché cattolico dei Romanov che viene venerato come santo dagli Ortodossi

Alexei Yegorovich Trupp era nato l’8 aprile 1856 nel villaggio di Barkava, attuale Lettonia orientale; arrivava da una famiglia di contadini che nel corso degli anni si era guadagnata un tenore di vita di un certo rispetto. Era cattolico; coi suoi fratelli frequentava regolarmente le attività parrocchiali nella chiesa locale, se non altro per studiare presso la piccola scuola gestita dal sacerdote.

Read More…

La canonizzazione della famiglia Romanov

Non è facile parlare della famiglia Romanov, e il fatto che io abbia riscritto quattro volte l’incipit di questo post lo dimostra bene. I Romanov sono chiaramente state vittime di un massacro così cruento da far venire i brividi, epperò in un certo senso se la sono anche andata a cercare. Non che lo zar […]

Read More…

La vera storia di Ceburaska, l’orsacchiotto comunista

Porca la miseria: il popolo voleva le arance. Ma può, un onesto dittatore, doversi affannare su problemi così banali? Stiamo parlando seriamente di arance? Io sono a capo dell’Unione Sovietica, e tu mi vieni a scocciare perché il popolo reclama le arance e ha letto articoli secondo cui le arance fanno tanto bene e teme […]

Read More…

Ded Moroz, il Babbo Natale comunista

In origine, era il demone Morozko, che si celava in mezzo ai boschi e uccideva i viandanti trasformandoli in statue di giacchio. Padrone del gelo e delle foreste, personificazione dell’Inverno, Morozko era un brutto ceffo che assassinava i malcapitati e rapiva i bambini non sufficientemente sorvegliati dai genitori. Trascorsi indubbiamente particolari per questo inquietante personaggio che […]

Read More…

Per Lucia

A.A.A. Cercasi disperatamente cantautore disposto a dedicare a “Lucia” una canzone. Voi ci riderete, ma è un bel problema. Se c’è una categoria di persone verso le quali provo una straziante, profonda, imperitura invidia, sono le donne battezzate col nome “Elisa”. Tutte le volte che un pianoforte fa risuonare piano le note di Per Elisa, […]

Read More…