Le magie di Internet

“Cuorina! Come stai?”. Alla faccia della lieve sindrome parainfluenzale, la sottoscritta giace a letto da cinque giorni e mezzo. Prima raffreddore leggero, poi febbriccola, poi febbre forte. Arrivata allo stadio in cui mi soffio il naso con la carta igienica avendo esaurito tutte le scorte di fazzoletti presenti in casa, comincio a dare lievi segni […]

Read More…

Ubi maior, minor cessat

In famiglia, nessuno di noi segue il calcio. Neanche i maschi. Decisamente non si può dire che noi si sia tifosi. Direi, più che altro, che siamo blandamente simpatizzanti. Nutriamo una certa simpatia verso la squadra del Torino, per ragioni che non hanno niente a che vedere col calcio in sé (che non seguiamo), ma […]

Read More…

Abilità

Mentre la neve, oltre le finestre, comincia a cadere a grandi fiocchi (non oggi; sabato scorso), io giaccio sul divano piegata in due per il dolore. Il legamento della caviglia me lo sono rotta dodic’anni fa; ma ancora adesso, quando gli pare e piace, il dolore mi fa “ciao” e si riacutizza. “Beh”, commenta mia […]

Read More…

La bellezza delle cose semplici

In qualcuno di voi, la lettura di questo post potrebbe forse scatenare una tristezza incontrollabile; non so. La verità è che, fondamentalmente, nessuno della mia famiglia ha mai avuto questa gran passione il cibo. Siamo di stomaco piccolo, è questo punto: se arriva in casa nostra qualche piatto prelibato, naturalmente è festa grande; ma siamo […]

Read More…

I regali di mio padre. La disgrazia di mia madre.

“Guido. No”. “Ma come, no?! È bellissimo!”. “La sua innegabile bellezza è direttamente proporzionale alla sua stazza. E quindi, no”. “Ma pensa a Lucia! Sarebbe così contenta!”. “E pensa a me. Sarei così infelice!”. “Ma è per Lucia!! Ti ricordi che da piccola ne aveva visto uno simile in un negozio di giocattoli, e ci […]

Read More…

Ad ogni buon conto, addio

Avete presente, il satellite in caduta libera? Quello che stasera sorvolerà l’Italia e rischia ipoteticamente di far cadere i suoi detriti sul Settentrione? Ecco. La cosa si presta ovviamente a battutine e frizzi e lazzi (è ovvio): ad esempio, qualche ora fa, leggevo lo status di una mia amica la quale si augurava ironicamente che […]

Read More…

Frine

‘Mannaggia!’, meditavo ieri, mettendomi al computer. ‘Devo preparare il post per domani, ma non ho idee su cosa scrivere: proprio non ho idee… Ohimè!’. E meditavo, e rimuginavo, e cercavo spunti in giro: il nulla. E così, ho accantonato l’idea di scrivere e mi son messa a leggere le e-mail: meglio che niente. Nella mia […]

Read More…

Il funerale

Questo post è per rispondere a Seavessi, e raccontarle le mie esperienze infantili con la morte. Beh: le definirei “tranquille”. Fin da quand’ero piccolissima, sapevo perfettamente che la morte era un fatto di natura. Sapevo che i miei nonni maschi erano già morti: li vedevo in fotografia e li immaginavo in cielo, con Gesù e […]

Read More…

I lati oscuri del co-sleeping

Se cercate “cosleeping” su Google, vi vengono fuori 143.000 risultati. Si va dal “breastfeeding and co-sleeping in anthropological perspective” al più italico “co-sleeping: una scelta consapevole”. È un peccato che mia madre mi abbia partorita in un momento in cui non c’era ancora Internet, perché probabilmente si sarebbe sentita una madre molto meno fallita di […]

Read More…