Gli amuleti di santa Margherita d’Antiochia a protezione delle partorienti

E qui bisogna fare una premessa: nel Medioevo, esisteva un confine molto labile tra “devozione in senso stretto”, “pratiche terapeutiche che facevano affidamento sull’intercessione dei santi” e “attività che noi oggi definiremmo al limite del superstizioso, come la creazione di amuleti dalle presunte proprietà soprannaturali”.

Gli amuleti per le partorienti dedicati a santa Margherita d’Antiochia sono un esempio perfetto, in questo senso.

Read More…

Le cerve di santa Withburga

Correva l’anno 654 e re Anna dell’East Anglia era appena caduto in battaglia.
La sua giovane figlia Witburga – ancora nubile, e adesso anche orfana – non ebbe nemmeno un attimo di esitazione: senza dubbio alcuno, avrebbe felicemente preso il velo facendosi monaca presso la città di Dereham.

Read More…

Ottilia: una santa dalla vita da fiaba

Diciamolo pure: ho contribuito anch’io a eternare la dimenticanza collettiva ai danni di Ottilia, una santa che pure mi sta così tanto simpatica. E così, per sdebitarmi, aspettavo da tempo l’occasione giusta per rendere famoso il suo nome anche su queste pagine.

Read More…

Lorica Patricii: la preghiera che trasformò in cervo san Patrizio

In un passaggio della Vita di San Patrizio scritta nel VII secolo dal monaco Muirchu, il santo che diventerà evangelizzatore dell’Irlanda si trova in serio pericolo di vita. Dopo essere entrato in conflitto con Loiguire, re pagano di quelle terre, Patrizio ha una premonizione su un grave pericolo che sta per abbattersi su di lui e sui suoi discepoli: Loiguire ha ordinato ai suoi sgherri di tendere un agguato al vescovo cristiano e ai fedeli che lo accompagnano.

Read More…

Il santo che, pur di salvare la birra, arrivò a un soffio dal vendere l’anima al diavolo

Non chiedetemi perché, non chiedetemi con che logica; non chiedetemi che cosa si fosse bevuto l’agiografo prima di decidere che era una buona idea scrivere una leggenda in cui un santo si abbandona a intrallazzi con Satana.

Personalmente, mi son fatta l’idea che l’agiografo scrivesse sotto i fumi dell’alcool dopo essersi scolato un intero barile di birra, il che spiegherebbe moltissime cose.

Read More…