I teloni del digiuno: una quaresima passata a fissare un telo

Le notizie più antiche sui teloni quaresimali risalgono all’inizio del XI secolo. L’abate Aelfric di Winchester riferisce che durante la quaresima si dovevano velare le reliquie e le croci (e fin lì ok) e che tra il presbiterio e la navata doveva essere steso un gigantesco telo, per impedire ai fedeli di vedere l’altar maggiore.

Ma perché?

Read More…

Ogni quarantena è di per sé un po’ quaresima

In queste settimane, molte testate online hanno ricordato come sia stata l’Italia – Venezia in particolar modo – a inventare le quarantene.
C’è, però, un dettaglio che non mi pare di aver letto. E cioè: l’Italia settentrionale ha inventato le quarantene, ma non aveva la più pallida idea di cosa stesse facendo. Le ha detto bene, ma è stata pura fortuna. Come spesso accade per la Scienza, convinzioni sbagliate hanno portato a una scoperta giusta.

Read More…

Quella di infermiere? Nacque, letteralmente, come una vocazione

Non erano religiosi, ma non potevano sposarsi.
Pregavano il giusto, ma era principalmente attraverso il lavoro che speravano di guadagnarsi la Salvezza.
Lavoravano gratuitamente nella maggior parte dei casi; in alcuni casi, erano lieti di pagare per poter lavorare gratis.

Chi sono ‘sti pazzi?
Sono i primi infermieri della Storia!

Read More…

Ricette di guerra per chi fatica a procurarsi il solito cibo

E così, siamo arrivati al punto in cui sta diventando difficile preparare da mangiare.

Per molti di noi, il problema non è tanto l’impossibilità di procurarsi il cibo in sé e per sé – per molti di noi, il problema nasce dalla spiacevole necessità di cambiare drasticamente le nostre abitudini alimentari.

Che è la stessa cosa che accadde ai nostri nonni nel corso della seconda guerra mondiale.

Read More…

La vera storia di Balto e di Togo, i cani che salvarono Nome dalla difterite

1925: all’ospedale di Nome arrivano i primi pazienti che accusano i sintomi della difterite. Il che è un bel problema, anzi è un dramma – perché l’ospedale non ha i farmaci necessari e nessuno sembra essere in grado di farli arrivare a Nome in tempo utile.

Inizia così una storia da film che ha come protagonisti degli eroi specialissimi. Degli eroi a quattro zampe.

Read More…

Perché facciamo così poca memoria delle epidemie?

Le vittime dell’influenza spagnola sono decisamente più numerose delle vittime della Prima Guerra Mondiale. Eppure, esistono ad oggi circa ottantamila libri dedicati alla Grande Guerra e circa quattrocento dedicati alla Spagnola.

Le epidemie tendono ad essere ricordate poco e male dalla memoria storica collettiva. Ma perché succede questo?

Read More…

Quante epidemie influenzali ci sono state nella Storia?

Nel 1580, la curavano con zucchero candito.
Nel 1830, la derubricarono a “malattia da poco conto, non è mica il colera” e se ne pentirono amaramente.
Nel 1888, scoprirono da che cosa era causata, col piccolo problema che la scoperta era sbagliata.

La Storia dell’influenza è ricca di sorprese!

Read More…