Personale

Notte prima degli Esami – Ieri XVI

“Allora! Pronta per un cento in dirittura d’arrivo?”.
“Ma non dir scemenze, Mario… altro che cento, il cento sarà tuo e basta…”.
“Io scommetto di no. Ti conosco: in pubblico parli divinamente, sotto pressione dai il meglio, avrai fatto un orale meraviglioso. Io scommetto che avrai un voto a tre cifre”.
“Ma quali tre cifre. Novantacinque, magari, o novantasette, quello sì, ma non di più”.
“E io invece dico che hai preso cento! Scommettiamo?”.
“… e va beh, scommettiamo… Tanto, non ci sarà nemmeno suspance: sono l’ultima della scuola, i risultati dovrebbero essere esposti fra una mezz’oretta”.
“Ecco! Allora io vado a prendermi un caffè, e poi stabiliamo legalmente i termini della scommessa”.

Mario si allontana, e chiude alle sue spalle la porta della Biblioteca.
Io sorrido e mi dondolo sulla sedia girevole, sforzandomi di non pensare che con quell’ultima interrogazione la mia vita di liceale è finita per sempre. E che il trasloco a Pavia è sempre più imminente, e che forse la mia vita non sarà mai più quella di prima…
E poi, a un certo punto, ritorna Mario, tenendo in mano un bicchiere di caffè. Non sembra particolarmente felice.
“Alla faccia della mezz’oretta, questa commissione lavora velocemente: hanno già messo fuori i risultati dell’esame”.
“… ah”, mormoro, con una strana sensazione all’altezza dello stomaco.
“Mi spiace per te, Lucia, davvero”.
Mario, con aria da funerale, mi posa una mano sulla spalla; io sento le budella attorcigliarsi. “Cosa…?”.
“Davvero, avrei voluto che finisse diversamente…”.
“Dai, piantala e dimmi quanto…”, mugolo.
“E’ che ti sei cacciata in un bel guaio, Lucia. Hai clamorosamente perso la scommessa, e non avevamo ancora deciso il pegno. Ora posso chiederti quello che voglio”.
Apro lentamente la bocca per parlare, ma non dico niente.
“Io inizierei col chiedere in dono uno chalet in montagna, tanto per incominciare. Con piscina”.

Avviato studente di Giurisprudenza, ancor oggi Mario rivanga la questione, e insiste. Sostiene infatti che, legalmente, glielo devo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...