Vite di Santi e Beati

[Ma che sant’uomo!] L’orsetto più famoso al mondo

Fu un lampo di artigli, un raglio improvviso. E poi il mulo cade a terra, il terrore nello sguardo, con le carni squarciate dalle zanne dell’orso.
San Corbiniano, che si era prudentemente portato a distanza di sicurezza, alzò gli occhi al cielo in una espressione di plateale insofferenza. “Oh, ma per piacere!!”.
L’orso affamato lo ignorò bellamente, accanendosi sulla sua preda esanime.
San Corbiniano spalancò la bocca, scandalizzato, e a grandi falcate si avvicinò al bestione. Quando gli fu sufficientemente vicino, gli mollò una botta sulla schiena usando come arma il suo bastone pastorale, dopodiché lo guardò malissimo.
Hai ammazzato il mio mulo!!”, gli rinfacciò scandalizzato.
L’orso gli lanciò un’occhiata veloce, notò con la coda dell’occhio che quel tizio incarognito aveva un’aureola che gli svolazzava in testa… e allora deglutì, molto lentamente.
O mannaggia.
Glielo diceva sempre, Mamma Orsa, di non dar fastidio ai Santi…

“Hai ammazzato il mio mulo!”, ripeté San Corbiniano; e sembrava stupefatto.
L’orso ritenne che fosse prudente smettere di infierire sul cadavere della bestiola, quantomeno. Cercò di pulirsi la bocca dal sangue, e tentò di assumere un’aria dispiaciuta.
“Ma ti rendi conto?!”, gli rinfacciò Corbiniano, agitando minacciosamente il suo bastone da Vescovo. “Ma io dico, benedetta bestiola: fra tutti gli animali che avevi a disposizione per cena, proprio il mio mulo dovevi far fuori?!”.
L’orso provò a scodinzolare, nel tentativo di accattivarsi le simpatie del tizio.
Non ci riuscì un granché.
Non hai notato”, sbottò il santo, con aria truce, “che il mio povero mulo aveva dei bagagli in groppa?”.
L’orso abbassò lo sguardo, e lanciò un’occhiata veloce al cadavere della sua povera vittima.
Occavolo.
No, non lo aveva notato, ma effettivamente il mulo era carico di un bel bagaglio. Forse, il suo padrone stava affrontando un lungo viaggio…
“Stavo andando a Roma!”, sbottò il sant’uomo. “Dalla Baviera! Mi ci ha chiamato il Papa! Ho appuntamento con lui per una certa data”, rincarò, “e non posso certo fare tardi… e adesso spunta fuori dal nulla un orso sconosciuto che mi ammazza il mulo?!”.
L’orso abbassò lo sguardo, mortificato.
“Ma ti rendi conto?!”.
L’orso incassò la testa fra le spalle, mogio mogio, a capo chino.

Calò il silenzio.
L’orso rimase immobile, a contemplare la punta dei suoi artigli insanguinanti.
Quanto a Corbiniano, lui contemplò l’orso, con le mani sui fianchi e una smorfia di impazienza in volto.
“Va beh. Va beh. Sai, adesso, cosa facciamo?”.
L’orso sollevò il capino, timidamente.
“Tu hai fatto il danno”, annunciò Corbiniano, “e sarai tu a ripararlo. Càricati in spalla il mio bagaglio, ed accompagnami fino a Roma”.
L’orso sgranò gli occhi: quel pazzo d’un Santo voleva usarlo al posto del mulo?!
Il vescovo Corbiniano inarcò le sopracciglia, con sguardo eloquente. “Hai forse idee migliori?”.

***

Dalla leggenda di san Corbiniano, fondatore della diocesi di Frisinga, ho preso l’immagine dell’orso. […]
Corbiniano lo rimproverò aspramente per il suo misfatto, e, come punizione, gli caricò sulle spalle il fardello che fino a quel momento era stato portato dal cavallo.
L’orso dovette trasportare il fardello fino a Roma…

Io ho portato il mio bagaglio a Roma e ormai da diversi anni cammino col mio carico, per le strade della Città Eterna.

Con queste parole, alla fine degli anni Novanta, il cardinale Joseph Ratzinger concludeva la sua autobiografia, motivando le ragioni che lo avevano spinto ad inserire, nel suo stemma cardinalizio, la buffa immagine di un orso.
Certo non immaginava che, entro pochi anni, quello stesso orso avrebbe fatto mostra di sé di fronte al mondo, su uno stemma ben diverso. Né, senz’altro, immaginava quanto pesante potesse diventare, un giorno, il suo fardello, pazientemente portato in spalla.

Chissà cosa sognava, per il suo futuro, il giovanissimo don Joseph, nel giorno felice in cui divenne sacerdote.
Era esattamente il giorno d’oggi; di esattamente sessant’anni fa.

Auguri, Santo Padre.

19 thoughts on “[Ma che sant’uomo!] L’orsetto più famoso al mondo

  1. Bella la storia dell'orso, e grande Benedetto!
    ma devo correggerti, sono 60 anni fa…
    ma anche mi associo agli auguri!

    Diego

  2. Mia scontata approvazione, essendo un ratzingeriano da quando dovetti girare tutta Genova per trovare un suo libro (evidentemente molte librerie cattoliche avevano di meglio da smerciare…)
    E ancor più scontato l'apprezzamento avendo come alter ego il mio orsacchiotto.

  3. Simpatica la storia dell'orso ed emblematico averlo messo nel suo stemma!  Ho una grande ammirazione per Benedetto XVI. Nella sua mitezza sta la sua grande forza. Che il Signore continui a proteggerlo per il resto del suo pontificato. Un grande uomo e grande pastore, non c'è che dire.  Il mio umile Grazie e tanti auguri

  4. "ma devo correggerti, sono 60 anni fa…"


    Io ho controllato su Wikipedia, eh.
    Effettivamente non mi ricordavo quale anniversario fosse, e quindi ho controllato su Wikipedia, giuro.
    Wikipedia infatti mi ha detto che è stato ordinato nel 1951.
    Io ho fatto velocemente i conti, e ho decretato che 2011 – 1951 = 50.

    Nella mia pagella di terza liceo classico, subito prima della maturità, avevo 9 o 10 in tutte le materie e un 6 (tirato) in Matematica… per caso si nota?

  5. Poi torno anche per rispondere ai commenti, eh (scusate, è che son di corsa), ma nel frattempo… l'avete visto il video del Papa alle prese con l'IPad? Ma quanto è tenero? °__°

    Cioè, davvero, non sto scherzando e men che meno voglio mancargli di rispetto… io l'ho trovato dolcissimo! Guardate che faccia (tipo "ommisericordia, è tutto molto bello, ma cosa si aspettano che io faccia, a questo punto?"), e soprattutto badate alla sua loquacità…
    Io l'ho trovato di una dolcezza infinita: son l'unica? :-D

  6. Poi torno anche per rispondere ai commenti, eh (scusate, è che son di corsa), ma nel frattempo… l'avete visto il video del Papa alle prese con l'IPad? Ma quanto è tenero? °__°

    Cioè, davvero, non sto scherzando e men che meno voglio mancargli di rispetto… io l'ho trovato dolcissimo! Guardate che faccia (tipo "ommisericordia, è tutto molto bello, ma cosa si aspettano che io faccia, a questo punto?"), e soprattutto badate alla sua loquacità…
    Io l'ho trovato di una dolcezza infinita: son l'unica? :-D

  7. Molto carino anche il commento di un TG nazionale, pronunciato ben due volte (al minuto 12 circa del filmato), secondo il quale oggi sarebbe "l'anniversario della sua sessantesima ordinazione sacerdotale".
    Un doppio record, per la storia della Chiesa e per quella del giornalismo. 

    Cìcikov

  8. Molto carino anche il commento di un TG nazionale, pronunciato ben due volte (al minuto 12 circa del filmato), secondo il quale oggi sarebbe "l'anniversario della sua sessantesima ordinazione sacerdotale".
    Un doppio record, per la storia della Chiesa e per quella del giornalismo. 

    Cìcikov

  9. AlphaT, è vero… visto il tuo avatar, tu non potevi non approvare :-D
    Un altro grande fan degli orsi (fin troppo, aehm), è mio padre. In effetti, abbiamo la casa piena di orsi e orsetti in varie forme e dimensioni, gli piaccion propio :-)

    Diggiu, sì, è un bel simbolo. Diciamo che è un simbolo che viene usato abbastanza spesso nella diocesi di Frisinga (di cui Corbiniano è diventato vescovo), ma è veramente un simbolo profondo e emblematico.
    Quanto al Papa, concordo proprio con te: "nella sua mitezza sta la sua grande forza"!

    Cicikov, LOL… beh, sai: meglio ripeterla una volta all'anno, per esser sicuri che il sacerdote non abbia cambiato idea nel frattempo :-DDD

    Ago, io me lo son riguardato due o tre volte di fila: ma che… carino! :-D

    Ehilà, Retiarius… grazie mille! :-)
    Ehm, dipende dal fatto che io sono una lettrice monotematica. Quando mi prende una fissazione, vado avanti a leggere libri su libri su libri sullo stesso argomento, finché non mi stufo. Attualmente, ho la fissazione "storielle buffe circa i Santi più improbabili".

    Il fatto di aver studiato a lungo Storia della Chiesa, poi, mi ha fornito un po' di bibliografia di base :-)

  10. AlphaT, è vero… visto il tuo avatar, tu non potevi non approvare :-D
    Un altro grande fan degli orsi (fin troppo, aehm), è mio padre. In effetti, abbiamo la casa piena di orsi e orsetti in varie forme e dimensioni, gli piaccion propio :-)

    Diggiu, sì, è un bel simbolo. Diciamo che è un simbolo che viene usato abbastanza spesso nella diocesi di Frisinga (di cui Corbiniano è diventato vescovo), ma è veramente un simbolo profondo e emblematico.
    Quanto al Papa, concordo proprio con te: "nella sua mitezza sta la sua grande forza"!

    Cicikov, LOL… beh, sai: meglio ripeterla una volta all'anno, per esser sicuri che il sacerdote non abbia cambiato idea nel frattempo :-DDD

    Ago, io me lo son riguardato due o tre volte di fila: ma che… carino! :-D

    Ehilà, Retiarius… grazie mille! :-)
    Ehm, dipende dal fatto che io sono una lettrice monotematica. Quando mi prende una fissazione, vado avanti a leggere libri su libri su libri sullo stesso argomento, finché non mi stufo. Attualmente, ho la fissazione "storielle buffe circa i Santi più improbabili".

    Il fatto di aver studiato a lungo Storia della Chiesa, poi, mi ha fornito un po' di bibliografia di base :-)

  11. Qualcosa sapevo, e qualcosa penso che ci avevi già detto :P
    Molto interessante e divertente come sempre, e in ogni caso stavo pensando che anche a me l'orso piace molto

    Daniele

  12. Qualcosa sapevo, e qualcosa penso che ci avevi già detto :P
    Molto interessante e divertente come sempre, e in ogni caso stavo pensando che anche a me l'orso piace molto

    Daniele

  13. Uhm… no, io non vi avevo raccontato niente: ho scoperto la storia dell'orso giusto giusto una decina di giorni fa, prima non la conoscevo :-)
    (O forse l'avevo sentita così, en passant, così come sapevo che la testa di moro è un simbolo tipico della Chiesa bavarese, ma insomma non conoscevo la storia di Corbiniano)-

    Beh, come si fa a non amare almeno un pochino gli orsi? Siamo cresciuti a forza di orsetti di peluche… ;-)

  14. Uhm… no, io non vi avevo raccontato niente: ho scoperto la storia dell'orso giusto giusto una decina di giorni fa, prima non la conoscevo :-)
    (O forse l'avevo sentita così, en passant, così come sapevo che la testa di moro è un simbolo tipico della Chiesa bavarese, ma insomma non conoscevo la storia di Corbiniano)-

    Beh, come si fa a non amare almeno un pochino gli orsi? Siamo cresciuti a forza di orsetti di peluche… ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...