Cose cristiane

The Athletes for Abstinence

Purtroppo, non posso fornirvi bibliografia precisa sulla specifica notizia che sto per darvi: tutt’al più, posso mandarvi dal mio ex-professore di Storia della Chiesa, che mi ha raccontato il gustoso aneddoto quand’ero studentessa in quel di Pavia.
Se vi fidate di me, prendetela per buona: il Milan (sì, il Milan, la squadra rossonera) è stata fondata da un gruppo di amici inglesi, che solo successivamente ha lasciato la gestione della squadra in mani italiane. Ora: un discendente di uno di questi fondatori è diventato uno storico della Chiesa (che insegna a Oxford, se non mi ricordo male) – e, a detta del mio professore di Storia della Chiesa, a un certo punto ha cominciato a indagare sulle influenze cristiane di questo “primo” Milan. Apparentemente, i giocatori rossoneri di inizio ‘900 erano incoraggiati a vivere una vita praticamente monacale: sveglia all’alba, moderazione a tavola, tantissimo lavoro, guai a portar donne in camera, vita privata castigatissima, divertimenti ridotti all’osso, guai al sesso prematrimoniale e “andiamoci piano” anche con le mogli… eccetera eccetera eccetera.
Le ragioni di questa scelta?
Beh, mi pare ovvio: un atleta che abbraccia un simile stile di vita non arriverà mai agli allenamenti ridotto a uno straccio dal dopo-sbronza; avrà una vita sentimentale tranquilla e senza scossoni; avrà, insomma, poche occasioni per cacciarsi nei guai. Se fossimo cristiani praticanti di inizio ‘900, potremmo anche aggiungere che essere moralmente puri, e spiritualmente superiori agli avversari, probabilmente male non fa… e insomma: sarà una coincidenza o sarà qualcosa di più, ma, fintantoché i coach del Milan hanno perseverato su questa linea, la squadra rossonera è stata pressoché imbattibile, in Italia.
(“Ecco, lo sapevo”, ha commentato sconsolato il mio parroco, milanista sfegatato, quando gli ho raccontato questa storia. “Ecco cosa c’è che non va nel Milan di oggi: ecco!!”).

***

In fin dei conti, se ci pensate, è anche abbastanza ovvio.
Se, come spiegavo nel post di qualche giorno fa, numerosi allenatori propongono l’astinenza ai loro atleti adducendo motivazioni che hanno a che fare con le loro prestazioni agonistiche, è ovvio che la stessa scelta può anche essere dettata da ragioni di natura religiosa.
O, quantomeno, di natura morale… nel senso: a parità di preparazione atletica e di prestazioni avute in campo, voi, dovendo investire su una “promessa” del calcio, puntereste tutto sul ragazzino pulito casa e chiesa che sembra il sogno di ogni suocera, o sul ragazzo che “si gode la vita”, ogni tanto alza il gomito, è noto a tutti per le sue notti brave, e non sa resistere una settimana senza strappare i vestiti di dosso alla fan di turno?
Per carità. Magari, alla prova dei fatti, il secondo si dimostra un atleta migliore – però, sulla carta, è piuttosto evidente che, se tratti il tuo corpo come tempio dello Spirito, tendenzialmente sarai portato ad avere per il tuo corpo una cura tutta speciale. Cosa importante sempre… ma che diventa ancor più desiderabile in un settore in cui la forma fisica è letteralmente il tuo strumento di lavoro.

Tim Tebow, tebowing
Tim Tebow, tebowing

Sì, insomma: esiste – soprattutto nel mondo anglosassone, e soprattutto negli Stati Uniti – una corrente di pensiero per cui un cristiano convinto sarà un atleta migliore dei suoi colleghi atei, proprio in quanto cristiano convinto. O, per meglio dire, proprio in virtù del suo stile di vita cristiano, che viene considerato migliore di tutti gli altri; di default.
Di conseguenza – incredibile ma vero – nei mirabolanti U.S.A. esistono tutt’oggi (!) intere associazioni sportive di matrice cristiana, i cui membri si impegnano a praticare l’astinenza prematrimoniale e a vivere una sessualità “casta” anche dopo il matrimonio. Le potete trovare raggruppate sotto nomi evocativi tipo Muscular Christianity, Life Athletes, A.C. Green Athletes for Abstinence… e la cosa piuttosto sorprendente è che questi movimenti raccolgo anche atleti di grande successo: “di serie A”, potremmo dire.
A.C. Green, giocatore della National Basketball Association, è stato probabilmente il più grande cestista americano degli anni ’90 – ma gli Americani lo ricordano anche e soprattutto per il fatto di aver iniziato e concluso la sua carriera sportiva restando ostinatamente e convintamente vergine.
Tim Tebow, quarterback della National Football League, è addirittura alla base di un bizzarro neologismo: il verbo “tebowing”, che indica sostanzialmente l’azione di genuflettersi, nella posa che vedete qui a fianco. E in effetti, Tebow è solito raccogliersi in preghiera sul campo da gioco nei secondi che precedono il fischio d’inizio, anche per gridare alla sua (vastissima) platea la bellezza sconvolgente di essere cristiani.
E potrei ancora andare avanti a lungo: negli Stati Uniti, vi ripeto, si tratta di cosa davvero comune – un po’ perché gli Americani hanno un rapporto con la fede che è leggermente diverso dal nostro; un po’ perché, al di là di tutto, l’astinenza sessuale fa bene all’anima ma ti risparmia anche un sacco di guai. Non a caso, numerosi di questi movimenti sono nati (o comunque si sono diffusi esponenzialmente) nei primi anni Novanta – in un’epoca cioè in cui l’AIDS faceva molta paura, e l’astinenza sessuale sembrava una scelta intelligente… anche solo per ragioni di profilassi.

E poi, in fin dei conti, permettetemi questa osservazione: se c’è uno capace di affrontare di petto le sfide della castità prematrimoniale, quello è proprio uno sportivo. Uno sportivo, del resto, è abituato ad auto-imporsi una rigida disciplina: sa controllare il suo corpo per farlo andare avanti nonostante il dolore e la fatica, sa rinunciare a quella birretta o a quella fetta di torta per mantenere il peso-forma, sa che tutte le debolezze di oggi si ripercuoteranno su di te domani… insomma: se c’è qualcuno abituato a dominare la propria fisicità per usarla a fin di bene, questo è proprio uno sportivo.
E per uno sportivo professionista che crede veramente in quello che fa, mantenere il proposito di castità dovrebbe essere quasi un “gioco da ragazzi”!

In linea con gli altri gruppi pro-castità degli Stati Uniti, anche questi movimenti sportivi richiedono agli aderenti di ufficializzare il proprio proposito con una sorta di giuramento pubblico. E a me piace veramente veramente tanto quello utilizzato dagli aderenti al movimento dei Life Athletes:

1) Farò quello che è giusto, anche quando è difficile.
2) Mi darò solo a quella persona unica e speciale che sposerò e con cui starò assieme per tutta la vita.
3) Rispetterò le vite altrui, e in particolar modo quelle degli anziani e dei bambini non ancora nati;
4) Se fallirò, non lascerò perdere e non cercherò scuse: al contrario, ci riproverò.

La trovo una formula così schietta, così forte, così determinata… così “virile”!
A dimostrazione del fatto che – checché si possa pensare – la castità non è affatto una cosa da debolucci o da donnicciole!

6 thoughts on “The Athletes for Abstinence

    1. Grazie, amico, per i tuoi ripetuti suggerimenti in tal senso: apprezzo davvero tanto la tua fraterna preoccupazione per il mio benessere psico-fisico! :-D

  1. Giusto per sapere: come si chiama questo discendente di uno dei fondatori del Milan che adesso è diventato storico della Chiesa?

    1. E infatti non mi risulta che abbia fatto scintille in campo… (A)

      No, scherzi a parte… wow: un link interessante! Si vede che la tradizione, tutto sommato, è ancora diffusa… o quantomeno, se ne parla e i giornalisti si interessano, ecco :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...