La miseranda storia di Santa Thaney

Secondo John Durkan della Scottish Catholic Historical Association, santa Thaney potrebbe essere definita “il primo caso noto di una donna scozzese vittima di stupro e di violenza domestica, nonché ragazza madre”. Iniziamo bene. Mettiamo le mani avanti e diciamo subito che santa Thaney, con ogni probabilità, non è mai esistita. E se anche fosse esistita, […]

Read More…

Come lo riconosco, un santo (medievale)?

Ecco: se, un giorno, un vostro amico vi invita a cena a casa sua, e la tavolata di famiglia è una specie di raduno di macilente icone sexy che sbrilluccicano di luce propria, o siete ospiti della famiglia Cullen, o avete appena individuato una stirpe di santi.

Read More…

I Santi e la virtù eroica. Pregasi definire “eroica”.

“Virtù eroica”. Che la posseggano i santi, è cosa nota; ma cosa sia concretamente, è forse qualcosa di più difficile da definire. Voglio dire: “eroico” è un termine impegnativo. “Eroico” fa venire in mente Superman, gli eroi di guerra, la gente che volontariamente ci lascia la pelle immolandosi per una causa… “eroico” è qualcosa di […]

Read More…

[Ma che sant’uomo!] Il vescovo Ketingern e Lailoken il pazzo

C’era un umanoide nudo che correva fra i cespugli. Sì: c’era decisamente un umanoide nudo che correva fra i cespugli, berciando ad alto volume. San Ketingern fece uno sforzo eroico per concentrarsi sulla preghiera, ma capì presto che non era cosa… anche perché i diaconi e gli accoliti stavano ridacchiando come cretini; e come dargli […]

Read More…

L’agiografia di San Nectan

“Oh, no!”. San Nectan lanciò uno sguardo spaurito al suo angelo custode; e c’erano smarrimento e costernazione, in quello sguardo. “La Guendalina!”. L’angelo custode si mordicchiò le labbra, guardando verso il basso. “La Guendalina!”, ripeté San Nectan. “Me l’hanno rubata!”. L’angelo custode fissò con molto interesse la punta delle piume della sua ala destra. Tossicchiò. […]

Read More…

Peccatori o eletti? Gli ammalati nel Medio Evo

Presumibilmente, mentre leggete questo post, la sottoscritta si trova nel letto di casa sua e affronta rassegnata la sua convalescenza dopo un piccolo intervento. “Rassegnata” non è un aggettivo che si confà a una Brava Ragazza Cattolica alle prese con la malattia, mi direbbero fior fiore di agiografi medievali. La malattia si accetta con disperazione […]

Read More…