“Come si digiuna il Venerdì Santo? Ve lo spiega Lucyette” (reblog da ‘Breviarium’)

Originally posted on Breviarium:
di Giovanni Marcotullio Venerdì santo. E come ogni santo giorno di digiuno comandato arriverà qualcuno a chiedere: «Ma che s’intende per “digiuno”?». Di sicuro si deve intendere “qualcos’altro”, qualcosa di diverso da quello che la parola così sfacciatamente sembrerebbe dire. “Non mangiare”?! E perché? E per quanto? E come? Io mi…

Read More…

Dieci anni dopo

Esattamente dieci anni fa una ragazzina di diciassette anni, un po’ per gioco e un po’ per moda si avventurava nella blogosfera, presentandosi peraltro con il promettende esordio: “perché aprire un blog, quando non si ha nemmeno bene idea di cosa scriverci?”. Dieci anni più tardi, quella ragazzina ormai diventata donna potrebbe anche azzardarla, una […]

Read More…

La rivincita della scrittura

Ogni anno, a Milano, nel Palazzo delle Stelline, si tiene un (ottimo) convegno per bibliotecari. Quest’anno ci sono andata anch’io: una fatica massacrante, alla fine ero distrutta… ma ne è valsa la pena. Il primo intervento ad aprire questo convegno è stata una chiacchierata con Maurizio Ferraris, che insegna Filosofia Teoretica all’Università di Torino. A […]

Read More…

L’ultima pagina del quadernetto

Dipendeva dalla copertina. Era quello, a ben vedere, ad avere un ruolo dirimente. Se la copertina era di mio gusto (chessò: perché c’era sopra una ballerina), facevo carte false per far durare il mio quaderno il più a lungo possibile. Evitavo di andare a capo, rimpicciolivo fino all’esasperazione la mia già minuscola scrittura: insomma, facevo […]

Read More…

Se il Papa esalta i condom e cita Max Pezzali

Ci fu un tempo, non lontano, in cui il sito del Vaticano citava Max Pezzali, propagandava il profilattico, offriva assoluzioni a mezzo e-mail e permetteva di messaggiare col Papa.
Ovviamente era una burla, geniale, congeniata dal Luther Blissett Project. Ma era il 1999, Internet era appena nato, gli utenti non erano ancora in grado di distinguere un sito fake, la Santa Sede ha gestito l’emergenza in un modo – ehm – opinabile, e per un anno questo falso sito è stato il primo risultato sui motori di ricerca.

Read More…