Personale

I regali di mio padre. La disgrazia di mia madre.

“Guido. No”.
“Ma come, no?! È bellissimo!”.
“La sua innegabile bellezza è direttamente proporzionale alla sua stazza. E quindi, no”.
“Ma pensa a Lucia! Sarebbe così contenta!”.
“E pensa a me. Sarei così infelice!”.
“Ma è per Lucia!! Ti ricordi che da piccola ne aveva visto uno simile in un negozio di giocattoli, e ci si era innamorata, e a distanza di anni ci supplicava di regalargliene uno, e se lo ricorda ancora adesso?!”.
“Sì, ma ciò non rende…”.
“Questo costa poco!”.
“Non mi interessa”.
“Una miseria!”.
“Costasse anche mezza lira…”.
“Praticamente ce lo regalano!”.
“Ma a dire il vero, neanche se mi pagano”.
“Ma abbiamo lo spazio dove metterlo!”.
Non abbiamo affatto lo spazio dove metterlo!”.
“Sì, invece! E in ogni caso: pensa a come sarebbe contenta nostra figlia!”.
“Ma non mi intere…”.
“Non vuoi rendere felice nostra figlia!!”.
“Non voglio ficcarmi in casa un…”.
“Tipregotipregotiprego!!”.
“Ma tu sei completamente pazzo”.
Tipregotipregotiprego!!”.
“Non ci credo che ho sposato quest’uomo”.
Tipregotipregotiprego!!”.
“Io un giorno o l’altro scappo da questa gabbia di matti e non mi trovate più, sappiatelo. Anche perché casa nostra è troppo piccola per me e quel coso messi assieme. Materialmente”.

Il mio gufo a grandezza naturale vi saluta con affetto, appollaiato in cima al mobile del mio televisore.
L’avvoltoio Sheol è sempre nei miei incub pensieri, e fa il suo bell’effetto ogni qualvolta si avvicina Halloween.

In questo scatto, invece, potete ammirare in tutta la sua possenza l’ultimo arrivato in casa mia.
Quello a destra è il mitico Giocondo, che ha già suscitato l’invidia attonita di ben più di una mia amica.
Quella a sinistra – piacere – sono io, giusto per darvi drammaticamente un’idea delle esatte proporzioni.

(Quanto a mia mamma, la povera vecchietta vaga per la casa con aria sconsolata, scuotendo mestamente il capo e sussurrando, a mezza voce, “ci mancava solo l’orso gigante, adesso…”).

25 thoughts on “I regali di mio padre. La disgrazia di mia madre.

  1. A guardare queste foto mi chiedevo: “Perchè mai quest’orso lo chiamano Giocondo quando ha un chiarissimo BEA impresso sul gilè?”

    Ho reso dopo qualche minuto di attenta osservazione e riflessione che c’era una R nascosta, sì.

    1. LOL.

      (Lo chiamiamo Giocondo in onore di San Giocondo di Bologna Vescovo, che era il Santo del giorno quando mio padre me l’ha portato a casa!
      Fa molto Lucyette, non è vero? :-P)

  2. Maddai! Rispetto al gufo e all’avvoltoio è una spanna avanti! E poi, commentando il passato post sul gufo, direi che il ragionamento non fa una piega: se ti piace Harry Potter devi per forza amare visceralmente civette e affini :D

  3. Ma è fantastico, sembri piccolina confronto a lui! Diciamo che, con Giocondo in casa, se uno ha una carenza d’abbracci ha una posto caldo dove rifugiarsi ;-)

  4. Il gufo mi era sfuggito, ero ferma all’avvoltoio! Ahahah! Meraviglioso!
    Comunque, tuo padre fa passi da gigante: visto che è passato all’orsetto (all’orsone) di peluche, direi che con gli anni sta diventando meno gotico. Non ti lamentare dell’orso: la prossima volta potrebbe arrivarti una tarantola gigante con tanto di ragnatela.
    Ester

  5. Esilarante leggere della tua famiglia! Sai coinvolgere, chi legge, nel tessuto familiare creando la giusta suspence! Anche mio figlio adorava gli animali di pelouche, ma per le sue pluriallergie ho dovuto bonificare casa dallo zoo peloso, con sommo suo dispiacere! :-( Meno male che è stato rapito dai Lego, dimenticando il suo zoo! ;-)

    1. Nooooo, ma poverino!!
      Quanti anni aveva?!
      Io non ho mai avuto una gran passione viscerale per i peluche (preferivo le bambole), quindi se anche avessi dovuto rinunciare ai peluche non sarebbe stato questo enorme dramma…
      Però io mi immagino questi bambini, magari già un po’ grandicelli, che devono rinunciare di punto in bianco all’orsetto della buona notte o al loro pupazzetto preferito… non dev’essere una passeggiata!
      Poverini :-((

  6. Gufo ed avvoltoio te li invidio molto, sappilo.
    Anche se io ho qualcosa (più che qualcuno…) che pochi altri possono vantare: un pelouche di Chtulhu!

  7. Sbaglio o hai chiamato vecchietta tua madre!
    Povera donna, non solo le invadete casa con animali di pezza giganti, adesso pure vecchia!! :-P

    Ha tutta la mia solidarietà ^_^

    1. Ehm.
      Ebbene sì: dall’ultima volta che ci siamo visti, mi sono venuti parecchi capelli bianchi e ho trascurato un po’ la ceretta, grazie per la delicatezza con cui lo sottolinei. Umpf.

      LOL, ma come diamine ho fatto? °___°
      ROTFL. Grazie! :-DD

  8. mai stata al carnevale di Cento?
    Cento è una città dell’Emilia-Romagna in provincia di Ferrara ma che di Ferrara hanno solo la targa (come dicono loro stessi, intendo i centesi doc) sono quasi equidistanti da Modena, Bologna e Ferrara, se consideriamo il triangolo che formano le tre città menzionate come figura piana Cento ne è il baricentro, ebbene in quella città si tiene un carnevale la cui caratteristica, oltre a carri mascherati di notevole grandezza, è che oltre a coriandoli e stelle filanti vengono, da torrette inglobate nel carro stesso, gettati sulla folla migliaia di peluche, palloni, bambole ecc. ecc. tra i peluche alcuni sono veramente giganteschi anche più di quello in foto. Oddio non è facile prenderlo e portarselo a casa ma le possibilità ci sono, io non sono un gigante (1,70 scarsi) eppure due anni fa sono riuscito a prenderne uno alto (più indicato basso) quasi quanto me. Il mio cane (un meticcio di 10 kg) gli ha abbaiato contro per due giorni.

    1. *_________*

      VOGLIO ANDARE AL CARNEVALE DI CENTO!!!

      Adesso però sono curiosa: che animale era, il tuo peluchone? Ed è sempre a casa tua? :-D

      (Bellissima questa cosa del Carnevale di Cento: voglio, fortissimamente voglio, andarci *_____* Magari mi faccio accompagnare da un mio amico che è altro due metri e passa: mi sembra affidabile, come raccattapeluche :-P)

  9. Una Pantera rosa, ma gettano anche orsi, leoni e giraffe (che io ricordi)
    Non l’ho più. è stata regalata ad una figlia di amici.
    Direi che due metri e passa sono una garanzia, se oltre ad essere alto è anche grosso non avrà problemi a farne incetta.
    le date dei prossimi corsi: domeniche 5, 12 , 19 e 26 febbraio e 4 marzo 2012

    1. ç___ç

      Evvabbeh: ma allora dillo, che tu vieni qui con lo scopo di tentarmi acciocché io svuoti il mio portafoglio e riempia di peluche i mobiletti di casa mia! :-D
      E’ bellissimo! E ho ancora in testa il favoloso orsacchiotto in costume da guardia svizzera che mi avevi fatto vedere tempo fa! :-)
      No, non conoscevo l’Orsetto Blund (che è bellissimo!! E’ proprio vero quello che dice l’articolo che hai linkato: sembra l’orsacchiotto striminzito dei nostri nonni a inizio secolo!). Però anni fa mi ero comprata un paio di peluche all’Ikea e devo dire che sono veramente ottimi: costano poco ma sono di buona qualità, durano a lungo e non si rovinano.

      Curiosità: qualche anno fa, l’Ikea faceva un peluche di una scimmia con in braccio una scimmietta. L’ho cercato sul sito e pare che adesso sia uscito di produzione: peccato, perché era bellissimo (io ce l’ho). Embeh: circa un anno fa, passeggiavo per Torino e mi sono fermata a guardare la vetrina di un negozio di scarpe, peraltro un negozio di quelli molto molto chic e con merce molto molto costosa, d’alta classe. Beh: TUTTA la vetrina era decorata con DECINE E DECINE di queste scimmie Ikea con cucciolotto, che pendevano da “liane” sospese nella parte alta della vetrina.
      Bellissimo: mi spiace non aver fatto una cosa, perché era una idea veramente innovativa… e curiosissima! Mi ha fatto morir dal ridere, vedere in questo negozio d’alta classe una vetrina decorata con i pupazzetti super-economici dell’Ikea :-D
      E non stonavano affatto, per dire! Anzi!

      1. Peluche e ninnoli religiosi, per essere precisi :-).
        Prima o poi ti manderò qualche foto del Blund di mia sorella, che, impietosita dalla sua aria triste, gli ha preparato un corredino niente male.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...