Personale

Il Silkepil in saldo

“La prossima volta che andiamo al centro commerciale”, commento distrattamente, rivolta a mio papà, “devo ricordarmi di comprarmi un Silkepil. Quello vecchio mi si è rotto”.
Ah”, grugnisce l’uomo, con sguardo assente.
“Costerà un poco”, preavviso. “Vanno dai cinquanta euro in su, all’incirca. È quella cosa che serve per farsi la ceretta, in pratica”. (Come glielo spieghi, il Silkepil, a un uomo?).
Cinquanta euro??”. A quelle parole, mio papà sgrana gli occhi. “Ma figuriamoci! Conosco un negozio dove te li vendono a cinque euro, altroché!”.
Ehm. Mi permetto di dubitarne”.
“Massì, ti dico!! Li ho visti coi miei occhi!”.
“A cinque euro ti venderanno qualche accessorio per la depilazione, mica l’intera macchinetta”, protesto cautamente.
Mio papà scuote la testa. “Mannò! La macchinetta, ti dico! Tutta intera! È quella macchinetta che serve a togliere i peletti, no?”.
“Eh”.
Eh: appunto. Te la vendono a cinque euro, tutta nuova, con macchinetta e tutto”.
Tossicchio. “Scusa, papà: ma dov’è ‘sto posto in cui ti vendono un Silkepil a cinque euro? Un banco del mercato pieno di roba taroccata?”.
“Macché banco del mercato! Dall’elettricista! L’ho visto io! La macchina leva-peli. Era in vetrina! Domani ci vado e te la compro!”.
“Papà, ma guarda che non credo che…”.
“Anzi: per cinque euro vado a comprarla seduta stante: è un’occasione. Probabilmente è in saldo! Un Silkepil in saldo! Io te lo compro”.

Sapete cosa succede quando una donna coinvolge un uomo nella lotta ai peli superflui?

Tu gli dici che ti serve un Silkepil, per togliere i peli.
Lui realizza che ti serve una macchinetta togli-peli, e insiste per rifilarti questo:

15 thoughts on “Il Silkepil in saldo

    1. E pora stella: gli ho detto che mi serviva una macchinetta leva-peli, e sulla confezione c’era scritto “macchinetta leva-peli”… :-DDD

      Lo so.
      E’ inverosimile.
      Non ci crederei neanch’io.
      Ma vi assicuro che l’avrebbe comprata davvero, se non ci fossi stata io a spiegargli la differenza-base fra sua figlia e una tovaglia… -__-

      1. Eh, in ogni caso, piena ed incondizionata solidarietà a tuo padre, sì.
        Quando ho letto Silkepil per la prima volta, in questo post, ho subito pensato ad un qualche piatto tipico norvegese.

  1. “Ma le figlie hanno peli superflui” sarà stata la sua domanda alla quale avrà risposto “Si infeltriranno anche i maglioni delle Lucyette, strano ma vero!”

    :)

    Topografo

  2. non facciamo di ogni erba un fascio, molti uomini conoscono e sanno cos’è il Silkepil, non lo possono usare per disfarsi la barba (se lo uso per la mia dopo il primo pelo è da buttare sicuro) ma sanno cos’è!

  3. Io so cos’è un silkepil :P

    E’ un leva-peluchi!!!!!! Ovvio XD
    Comunque ribadisco, come sempre… tuo padre è un GENIO!

    Daniele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...