Di quando i maschi vestivano il colore rosa

La sconfortante storia della mamma torinese che, a quanto pare, preferirebbe lasciare suo figlio sporco di pipì pur di non farlo andare in giro con pantaloni asciutti, ma rosa, ha creato un bel po’ di scalpore su Facebook e ha ingenerato un certo traffico di posta nella mia casella e-mail. Sì, perché a un certo […]

Read More…

De puella a lupellis servata: la versione medievale e cattolica di Cappuccetto Rosso

Avete presente quelle bizzarre interpretazioni psicanalitiche di Cappuccetto Rosso, per cui la fiaba è una metafora dell’iniziazione sessuale della fanciulla, il vermiglio dei suoi vestiti rappresenta il primo sangue mestruale (a esser ottimisti), e l’incontro con il lupo e il cacciatore alludono, in realtà, ad tutt’altro tipo di incontri? Ecco: con buona pace di queste […]

Read More…

La Teoria delle Impressioni Materne

Un libretto con un titolo che tiene già da solo mezza pagina – A View at the Foundations: Or, First Causes of Character As Operative Before Birth, From Hereditary and Spiritual Sources – racconta la storia di una donna che, bontà sua, aveva deciso di interrompere la sua gravidanza. Perché questa sventurata aveva maturato la […]

Read More…

Cercar moglie, nel Medioevo

Con tutto questo parlar di coppie, si trascura (ovviamente; perché appunto è un’ovvietà) l’elemento che di più di tutti è alla base del successo per una buona famiglia. Quale? Beh, ma ovvio: crearsi una famiglia con la persona giusta. Mi par di sentirvi: “e grazie al cavolo”. Non esiste un vademecum del partner perfetto, né […]

Read More…

Questa Storia ti puzza di fake news?

Le fake news sono ormai all’ordine del giorno, e quelle di matrice storica non fanno eccezione. Anzi: riguardo i secoli passati, è tutto un fiorire di leggende nere e semplici convinzioni errate, sedimentatesi col passar del tempo e ormai date per certe. E se anche noi ci imbattessimo in una di queste bufale? Saremmo in grado di riconoscerla?

Read More…

Un matrimonio “come da tradizione”

E così, mi sono sposata. Il fatto di aver organizzato il matrimonio in non più di due settimane, mi ha impedito (o messa in salvo?) dallo svolgere tutte quelle normali attività pre-matrimoniali che, in dose omeopatiche, immagino possano anche essere divertenti: scelta delle partecipazioni, confezionamento della bomboniera, ricerca dell’abito da sposa… eccetera eccetera eccetera. Esistono […]

Read More…