Alla stazione di Torino

Io ti amo!
“…”
“Non puoi trattarmi così! Parlami!
“…”
“Ti ho già detto che mi spiace! Ascoltami! Guardami negli occhi!”
“…”
“Non puoi comportarti in questa maniera! Il tuo atteggiamento è infantile! Dimmi qualcosa!
“…”
“Insultami, se vuoi! Ma fai qualcosa!”
“…”
Qualsiasi cosa!”
“…”
“Senti, capiamoci. Io non me ne vado di qui finché tu non accetti di parlarmi”
“…”
“Posso anche dormire qui tutta la notte. Non importa. Prima o poi dovrai cedere”
“…”
“E comunque dovresti solo vergognarti”
“…”
Sappilo”.

Un barbone visibilmente ubriaco, inginocchiato di fronte a un cassonetto dei rifiuti sdegnosamente immerso in un offeso mutismo.

5 pensieri riguardo “Alla stazione di Torino

  1. La mente umana, quando cede alla razionalità, diventa un groviglio di emozioni e pensieri che escono deformando la realtà.

    Sicuramente un trauma in quel clochard è stato rivissuto davanti al cassonetto dei rifiuti e lui cercava delle risposte che mai ha avuto e mai avrà

    Lasciamo sempre un po’ così queste cose…. e fanno riflettere

    Un sorriso :)

  2. Sì, in effetti, tutto subito, quando l’ho visto implorare il perdono di cestino della spazzatura, mi è venuto da sorridere…
    … ma subito dopo, ti metti a riflettere, e il sorriso va via…

    :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...