calendariodellavvento2010

[7] La lista


E sarà pure una vignetta ironica, ma non sfigurerebbe nel box delle riflessioni "serie" che c'è qui sopra…

7 thoughts on “[7] La lista

  1. Ma addirittura son cambiati un sacco di valori!

    Mi viene in mente una filastrocca di fine Ottocento che avevo trovato su un libro d'epoca per bambini: era un decalogo delle buone maniere per i piccini di buona famiglia, e recitava così:

    Molto studio e parco giuoco,
    udir molto e parlar poco;
    odiar tutte le bugie
    né mai dire villanie.
    Salutar chi ti saluta,
    ringraziar chi dona o aiuta:
    le son cose acconcie e buone
    a ogni sorta di persone.

    Ora: vabbeh che è un metodo educativo palesemente datato, io non lo adotterei di certo, ma mi immaginavo questa filastrocca trasposta ai giorni nostri…

    Molto studio e parco giuoco -> oddio. Mio figlio è un disadattato. Passa le giornate sui libri invece di socializzare. Dobbiamo assolutamente mandarlo a una festa, a fare sport, a conoscere genere, a maturare: come può crescere, un topo di biblioteca che non esce coi suoi coetanei?
    Udir molto e parlar poco -> oddio. Mio figlio soffre di timidezza cronica. Non avrà mai un futuro. Non avrà mai una carriera. Bisogna mandarlo da uno psicoterapeuta, subito!
    Odiar tutte le bugie -> oddio. Mio figlio è un imbranato. Non sa dissimulare e non sa difendersi. Non combinerà mai niente nella vita; non ai giorni nostri.
    Né mai dire villanie -> ma chi cazzo è che ha scritto 'sta stronzata?! Ahò, dove viviamo? Ma che razza di merde! (La sottoscritta è incredibilmete orgogliosa di poter affermare di non aver MAI detto una "parolaccia" in vita sua: ne capisce la valenza espressiva, e infatti le adotta saltuariamente a scopi diciamo letterari, ma continua a trovarle perlopiù abusate e comunque decisamente non eleganti).
    Salutar chi ti saluta -> oddio. Ma scherziamo? I pedofili!!!
    Ringraziar chi dona o aiuta -> sì, ma non troppo, eh. Aiuta? Tipo che dobbiamo mostrare di aver bisogno di aiuto? Ma non scherziamo: sarebbe una vergogna!

    Eccetera eccetera.

    Secondo me, se Babbo Natale confronta una lista dei "buoni" di fine Ottocento con una lista dei "buoni" ai giorni nostri, gli viene come minimo un gran bel mal di testa… :-P

  2. Ma addirittura son cambiati un sacco di valori!

    Mi viene in mente una filastrocca di fine Ottocento che avevo trovato su un libro d'epoca per bambini: era un decalogo delle buone maniere per i piccini di buona famiglia, e recitava così:

    Molto studio e parco giuoco,
    udir molto e parlar poco;
    odiar tutte le bugie
    né mai dire villanie.
    Salutar chi ti saluta,
    ringraziar chi dona o aiuta:
    le son cose acconcie e buone
    a ogni sorta di persone.

    Ora: vabbeh che è un metodo educativo palesemente datato, io non lo adotterei di certo, ma mi immaginavo questa filastrocca trasposta ai giorni nostri…

    Molto studio e parco giuoco -> oddio. Mio figlio è un disadattato. Passa le giornate sui libri invece di socializzare. Dobbiamo assolutamente mandarlo a una festa, a fare sport, a conoscere genere, a maturare: come può crescere, un topo di biblioteca che non esce coi suoi coetanei?
    Udir molto e parlar poco -> oddio. Mio figlio soffre di timidezza cronica. Non avrà mai un futuro. Non avrà mai una carriera. Bisogna mandarlo da uno psicoterapeuta, subito!
    Odiar tutte le bugie -> oddio. Mio figlio è un imbranato. Non sa dissimulare e non sa difendersi. Non combinerà mai niente nella vita; non ai giorni nostri.
    Né mai dire villanie -> ma chi cazzo è che ha scritto 'sta stronzata?! Ahò, dove viviamo? Ma che razza di merde! (La sottoscritta è incredibilmete orgogliosa di poter affermare di non aver MAI detto una "parolaccia" in vita sua: ne capisce la valenza espressiva, e infatti le adotta saltuariamente a scopi diciamo letterari, ma continua a trovarle perlopiù abusate e comunque decisamente non eleganti).
    Salutar chi ti saluta -> oddio. Ma scherziamo? I pedofili!!!
    Ringraziar chi dona o aiuta -> sì, ma non troppo, eh. Aiuta? Tipo che dobbiamo mostrare di aver bisogno di aiuto? Ma non scherziamo: sarebbe una vergogna!

    Eccetera eccetera.

    Secondo me, se Babbo Natale confronta una lista dei "buoni" di fine Ottocento con una lista dei "buoni" ai giorni nostri, gli viene come minimo un gran bel mal di testa… :-P

  3. Ma LOL!
    (Scusa, commento su di un post vecchio, ma spulciando mi è capitato di leggerlo adesso, a maggio… ma d'altra parte che ti aspetti, se i post sull'Avvento li scrivi a maggio dell'anno prima?)

    Il mio LOL è tutto per il #2.
    Infatti, dopo averne trovate altre leggendo per il blog, e arrivato al tuo commento a "Nè mai dire villanie", ho affermato tra me e me: "Certo che 'sta Lucyette, che fa tanto la santarellina, è proprio sboccata!"

    Poi leggo del tuo "vanto" e mi esce un doppio (1,2) LOL carpiato.

    1.
    [insinuatore di scrupoli mode on]
    Cioè, scusa, fammi capire. Se ti dai una martellata sul dito, mentre nessuno ti può ascoltare, esclami "Ahio, perdindirindina!", perchè altrimenti dire una parola del gatto non starebbe bene.
    Se invece scrivi un post pubblico che leggeranno centinaia/migliaia di persone, rimanendone influenzati, butti lì la parolaccia gratuita perchè fa giovane e disinvolto…
    [insinuatore di scrupoli mode off]
    … tante tante faccine che fanno le beffe …

    2.
    D'altra parte mi fa piacere non essere l'unico pazzo che non dice le parolacce. In un mondo in cui anche le donne sembrano dei portuali, e ho conosciuto una bambina di 4 anni che bestemmiava, mi sento davvero un animale raro.
    Anche se da piccolo le dicevo, ho smesso tipo a 8 anni ma ricordo bene quelle 5-6 singole occasioni in cui da grande ne ho detto una, a freddo, calcolata (perchè certo non potevo dire "mi è scappata, sai, è l'abitudine…") e poi me ne sono pentito.
    Certo che per un maschio è davvero difficile, specie quando ero teenager!
    Quando mi decido a sistemare il mio blog ci faccio un post sul tema "non dire le parolacce" e su come ti aiuti ad avere una visione più indipendente del mondo, e a ragionare sulle cose che dici.

  4. Ma LOL!
    (Scusa, commento su di un post vecchio, ma spulciando mi è capitato di leggerlo adesso, a maggio… ma d'altra parte che ti aspetti, se i post sull'Avvento li scrivi a maggio dell'anno prima?)

    Il mio LOL è tutto per il #2.
    Infatti, dopo averne trovate altre leggendo per il blog, e arrivato al tuo commento a "Nè mai dire villanie", ho affermato tra me e me: "Certo che 'sta Lucyette, che fa tanto la santarellina, è proprio sboccata!"

    Poi leggo del tuo "vanto" e mi esce un doppio (1,2) LOL carpiato.

    1.
    [insinuatore di scrupoli mode on]
    Cioè, scusa, fammi capire. Se ti dai una martellata sul dito, mentre nessuno ti può ascoltare, esclami "Ahio, perdindirindina!", perchè altrimenti dire una parola del gatto non starebbe bene.
    Se invece scrivi un post pubblico che leggeranno centinaia/migliaia di persone, rimanendone influenzati, butti lì la parolaccia gratuita perchè fa giovane e disinvolto…
    [insinuatore di scrupoli mode off]
    … tante tante faccine che fanno le beffe …

    2.
    D'altra parte mi fa piacere non essere l'unico pazzo che non dice le parolacce. In un mondo in cui anche le donne sembrano dei portuali, e ho conosciuto una bambina di 4 anni che bestemmiava, mi sento davvero un animale raro.
    Anche se da piccolo le dicevo, ho smesso tipo a 8 anni ma ricordo bene quelle 5-6 singole occasioni in cui da grande ne ho detto una, a freddo, calcolata (perchè certo non potevo dire "mi è scappata, sai, è l'abitudine…") e poi me ne sono pentito.
    Certo che per un maschio è davvero difficile, specie quando ero teenager!
    Quando mi decido a sistemare il mio blog ci faccio un post sul tema "non dire le parolacce" e su come ti aiuti ad avere una visione più indipendente del mondo, e a ragionare sulle cose che dici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...