[Pillole di Storia] L’inflazione: un flash

Che l’inflazione sia una cosa poco simpatica, è concetto generalmente noto.
Che l’inflazione sia particolarmente antipatica quando, all’aumento dei prezzi, non fa seguito un aumento degli stipendi, è cosa ancor più ovvia.
Ma l’erosione del potere d’acquisto, a ben vedere, non è l’unico problema generato dall’inflazione. Sì, insomma: non sono solo gli stipendi, quelli che dovrebbero essere adeguati all’aumento dei prezzi. Bisognerebbe adeguare, in effetti, anche le multe.

Copio testualmente dal mio manuale di Storia Economica:

Il testo delle Dodici Tavole, in Roma, prevedeva una ammenda di 25 assi per chi avesse colpito un’altra persona [era una cifra piuttosto alta, N.d.Lucyette].
Secoli dopo la promulgazione delle Dodici Tavole, l’ammenda era sempre di 25 assi. Ma per via dell’inflazione, questa somma era divenuta irrisoria.
Per provare empiricamente la cosa, L. Veratius, che era uno stravagante riccone, andava d’attorno distribuendo bastonate a destra e a manca, seguito da uno schiavo che risarciva immediatamente le persone colpite con i 25 assi previsti dalla legge.

Le piccole meraviglie dello studiare Storia.

4 pensieri riguardo “[Pillole di Storia] L’inflazione: un flash

  1. Vedi, tu parli di assi e a me ritorna in mente Catullo:

    "rumoresque senum severiorum
    omnes unius aestimemus assis"

    Al giorno d'oggi una cosa del genere potrebbe essere pericolosa :P Sai quanti andrebbero a 300 km/h in autostrada? Beh, tutti quelli con una maserati, una lamborghini ecc… già ci vanno ora, figurati se dovessero pagari una sorta di "25 assi" soltanto tsk :P

    Daniele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...