Perché gli Svedesi amano tanto Santa Lucia?

Come sia venuto in mente, agli Svedesi (protestanti!) di affezionarsi a una santa (cattolica!) la cui mission è entrare nelle altrui camere da letto con un pericolante candelabro piazzato in testa: questo, è un gran mistero.
Non è ben chiaro come mai la festa di Santa Lucia sia così popolare in Svezia. Sembra sbucare dal nulla verso fine Settecento, apparentemente senza motivo.

Read More…

Il Natale con i nonni

Ci ho messo sei anni per convincerla. Ci ho messo sei, infiniti, lunghissimi, sfiancanti anni, a convincere il fantasma di mia nonna morta a globalizzarsi un tantinello, e portarmi un regalino in una dannata notte all’anno. E se ve lo steste domandando… no, non sono pazza. *** C’è qualcuno che mi legge dal Sud Italia? […]

Read More…

Ma gli elfi di Natale… da dove spuntano?

Sì, insomma: questi buffi omini che si affannano al banco di lavoro di Babbo Natale, chi li ha inventati? Da dove spuntano? Beh: presumibilmente, hanno origini remotissime. Sia il folklore scandinavo che quello anglosassone sono pieni di figure simili agli “elfi”, “folletti”, & co. E rientra pure fra le tradizioni scandinave quella di credere che, […]

Read More…

Un Babbo capitalista?

Secondo Alfio e Michele Maggiolini, autori di un bel libro dedicato a Babbo Natale, “se dovessimo collocarlo in una cena di famiglia, prenderebbe probabilmente il posto di un nonno, forse un po’ bizzarro, che abita lontano e di cui ci si ricorda una volta all’anno”.

Babbo Natale, di per sé, è quello che porta doni, non quello che permette alla “magia del Natale” di farci diventar tutti più buoni.

Read More…

Ded Moroz, il Babbo Natale dei dittatori

In origine, era il demone pagano Morozko, che si celava in mezzo ai boschi e uccideva senza pietà i viandanti, trasformandoli in statue di giacchio. Padrone del gelo e delle foreste e personificazione dell’Inverno, Morozko era un brutto ceffo che assassinava i malcapitati e rapiva i bambini non sufficientemente sorvegliati dai genitori. Se i genitori […]

Read More…

Il Natale di Tante Airie

Deve il nome a quello della buona contessa Henriette (o Ariet) di Montbeliard, che in quella zona era passata alla Storia per la sua generosità, sul finir del Medio Evo. Oppure – non c’è accordo fra gli storici – il suo nome è un adattamento del latino “aeria”, “divinità dell’aria”. Fatto sta che tante Airie, […]

Read More…

La pedagogia del Krampus

Bruno Bettelheim, che da psicoanalista ha scritto diversi libri sull’educazione dei bambini e sul loro rapporto con il mondo fantastico, ricorda con nostalgia il modo in cui festeggiava il Natale in Austria da bambino.

Read More…