Pillole di Storia · Presepio · Vite di Santi e Beati

Il presepio di San Francesco

C’era [a Greccio] un uomo di nome Giovanni, di buona fama e di vita anche migliore […]. Circa due settimane prima della festa della Natività, il beato Francesco, come spesso faceva, lo chiamò a sé e gli disse: “Se vuoi che celebriamo a Greccio il Natale di Gesù, precedimi e prepara quanto ti dico: vorrei rappresentare il Bambino nato a Betlemme, e in qualche modo vedere con gli occhi del corpo i disagi in cui si è trovato […]”. Appena l’ebbe ascoltato, il fedele e pio amico se ne andò sollecito ad approntare nel luogo designato tutto l’occorrente, secondo il disegno esposto dal Santo.

Avviso anticipatamente: nei post dei prossimi due giorni, non parlerò strettamente di simbologie e di statuette. Però, secondo me, val la pena di leggere comunque: anche perché non si può fare un calendario dell’Avvento sul presepio senza parlare del presepio più famoso al mondo – e cioè, quello di Greccio.
Lancio subito un sassolino, giusto per stuzzicar la vostra curiosità. Ho detto “presepio più famoso al mondo”; non “presepio più antico al mondo”. Incredibile ma vero (ma non poi così incredibile, visto che studiare Storia mi ha abituata a mettere in discussione un sacco di certezze), non è che il presepio non esistesse affatto prima di San Francesco. Esisteva, in un modo un po’ diverso.

San Francesco l’ha ammodernato, l’ha reso simile a quello che conosciamo adesso, e la predicazione francescana ha contribuito notevolmente a diffonderne la pratica: certo. Ma non è che San Francesco si sia inventato il presepio così, dal nulla; e d’altro canto, nessuno ha mai detto una cosa simile fino al 1581, anno in cui un certo francescano di nome Juan Fernandez N. pensò bene di rivendicare questo primato, chissà poi perché.

Ma se San Francesco non ha inventato il presepio a partire da zero, come si faceva il presepio prima di lui?
E soprattutto: se San Francesco non ha inventato il presepio a partire da zero, perché il presepio di Greccio è giustamente così famoso?

Seguiranno un paio di osservazioni da parte di Lucyette-in-veste-di-medievista: ma tutto sommato l’argomento è interessante. O no?

***

Innanzi tutto: torniamo al testo di Tommaso da Celano, che riporta, si presume fedelmente, il dialogo che San Francesco ha avuto a metà Avvento col signore di Greccio, il cavalier Giovanni Vellita.
Siamo – a quanto dicono le fonti – nel dicembre 1223, al termine di un anno molto significativo, per San Francesco: il 29 novembre di quell’anno, con la bolla Solet annuere, papa Onorio III aveva infine approvato la Regola dell’Ordine.
E insomma: siamo a dicembre, e San Francesco decide di – cito testualmente – “celebrare a Greccio il Natale di Gesù”. E fin lì, va bene.
Questa celebrazione, però, deve essere particolare: San Francesco vuole “in qualche modo vedere con gli occhi del corpo” – corporeis oculis – la nascita di Cristo. È una richiesta interessante, anche perché – non so voi – ma io non l’ho mica mai notata tutta questa attenzione pastorale a far rivedere con gli occhi del corpo la nascita di Gesù nel bel mezzo di una Messa natalizia. In genere, alla Messa di Mezzanotte, noi ricordiamo la nascita di Cristo: ce la sentiamo leggere e ce la visualizziamo con gli occhi della mente: ma Francesco dice di no; non basta. Lui ritiene che all’uomo faccia un gran bene anche la possibilità di vedere fisicamente, di contemplare, ma sul serio: tanto più concrete sono le immagini che abbiamo davanti, tanto più facile è per noi poterci immedesimare in questa scena. I Sacri Monti nascono all’incirca in quel periodo (un po’ più tardi, in verità), e per la stessa identica ragione.
E poi… sarà un caso – o forse no – ma San Francesco era tornato da poco dalla Terra Santa, dove aveva accompagnato le milizie dei Crociati. È molto ragionevole pensare che il fraticello di Assisi abbia fatto tutto il possibile per visitare di persona i luoghi in cui Gesù è nato ed è cresciuto: e forse, il ricordo di questa esperienza era rimasto in lui, anche dopo il suo ritorno in patria.

E quindi, San Francesco vuole organizzare una celebrazione che permetta di rivivere fisicamente, concretamente, questo momento della Storia. San Bonaventura ci racconta che, dopo aver richiesto il permesso al Papa, “avuta la licenza si fece apparecchiare la mangiatoia con il fieno, e ivi fece venire il bue e l’asino e facevi venire molti frati e altra buona gente […] e sopra la mangiatoia […] si celebrò la Messa, con grande solennità”.

“Si celebrò la Messa”.
Wow.
Cioè, voglio dire… wow.

Appare evidente, da questa narrazione, che il presepio di San Francesco non è nemmeno il presepio che intendiamo noi, con Maria e Giuseppe e Bambinello e stella cometa di cartone e bla bla bla. Maria e Giuseppe non ci sono proprio (neanche sottoforma di statua o figuranti); ci sono il bue e l’asinello, che di fatto simboleggiano il Vecchio e il Nuovo, il Popolo Eletto ed i Pagani, la Terra Promessa e Tutto Il Resto Del Mondo… una scena semplicissima ma dallo sconcertante simbolismo, se ci pensiamo.

C’è qualche traccia di pastori o Magi?
Nada.
O forse sì.
Nel senso che non ci sono dei figuranti agghindanti da pastori, ma in fin dei conti è anche normale: stiamo dicendo Messa, mica siamo a un party di Carnevale. Non ci sono i pastori in senso stretto, ma ci sono i frati francescani e c’è la gente di Greccio: se costoro campino di pastorizia o di mercatura, poco importa. Sono “i pastori del Duemila” (anzi: del 1223): sono la gente che ha ricevuto l’annuncio della nascita di Cristo ed ha lasciato le sue case per unirsi a Lui, ed adorarLo.

E poi, soprattutto, c’è Lui.
Cristo, intendo.
E non c’è sottoforma di bambolotto biondo e coccoloso adagiato in una mangiatoia è sorridente: c’è Cristo in carne ed ossa, vero corpo e vero sangue, che compare nelle specie eucaristiche nel corso di una Messa che viene celebrata – e quanto è significativo! – su un altarino posto sopra alla mangiatoia.

Durante la Messa alcuni testimoni riferirono di aver visto Gesù Bambino che giaceva nelle braccia di San Francesco, e si gridò giustamente al miracolo; ma da un certo punto di vista, uno potrebbe anche dire “e grazie al cavolo”. Nel senso che Gesù Bambino c’era già di suo, in questa Messa-presepio così famosa (e anche in tutte le altre…), senza bisogno di apparire miracolosamente nelle braccia di qualcuno. La grande intuizione, geniale, di San Francesco fu quella di collegare la venuta del Bambino alla venuta di Cristo nel pane consacrato, avvenimento quantomai quotidiano di cui tendiamo quasi a sottovalutare la sconvolgente miracolosità.

E poi… e poi, c’era la gente comune, a fare da contorno.
Non “i pastori di 2000 anni fa”, ché uno potrebbe anche dire “embeh, beati loro, io nata nell’88 e non ho visto proprio un accidente”: San Francesco ha fatto ridiscendere Gesù sulla terra, nella capanna, sulla mangiatoia, fra bue e asinello, (cioè: ha rifatto il Natale; o no?!) davanti agli occhi della gente del suo tempo. Ha ricreato il presepio, sì – ma non nel senso che si è inventato la storia delle statuette; proprio nel senso che ha fatto rivivere la venuta di Cristo sulla Terra – e ha messo dentro al presepio tutti noi.

Perché Gesù viene sulla Terra tutti i giorni; non lo ha mica fatto solo a Natale dell’anno zero, ahò.
E quando noi siamo inginocchiati sui banchi della chiesa, in silenzio, a contemplare Cristo che è sceso in mezzo a noi… stiamo facendo esattamente la stessa cosa che ha fatto il pastorello del presepio che si è inginocchiato davanti alla magiatoia; né più né meno.
San Francesco non s’è inventato il presepio (e infatti domani vi racconto qualche chicca meravigliosa su come si faceva il presepio prima; ci sarà da ridere).
Non s’è inventato il presepio, ma ci ha dato una meravigliosa lezione di spiritualità e di vita.
E ditemi voi se è poco.

15 thoughts on “Il presepio di San Francesco

  1. Ecco: un librettino carino che posso consigliare a chi vuole approfondire l’argomento “presepio di Greccio” è Il primo presepio del mondo. San Francesco e il Natale di Greccio di U. Occhialini e P. Messa, edizioni Porziuncola (ha una cinquantina di pagine, e costa 5 euro).
    Credo che il titolo sia una malsana scelta editoriale, perché in realtà anche il ilbretto ci tiene molto a mettere in chiaro che il presepio di Francesco NON è stata la prima rappresentazione natalizia in assoluto :-P

    Molto carino: si legge in mezz’ora a dir tanto, ma è bello. Io l’ho raccontata in modo più “storico”, il libro ci da un taglio più “spirituale”; ma se volete tenerlo presente come regalo di Natale… :-)

  2. Non è poco per nulla… ormai si separa il vissuto cristiano dalla Vita Vera che è Cristo… bellissimo post e molto molto vero.

    Grazie di questa testimonianza e questa riscoperta che Cristo viene ogni giorno in mezzo a noi

    un sorriso :)

    1. Ammazza, ma quanto leggi veloce?! L’avevo praticamente appena postato… :-DD

      Ma sai che io ad esempio non la sapevo, questa cosa della Messa detta sopra la mangiatoia (che poi è il dettaglio che dà senso a tutta la cosa, a ben vedere)? Ho passato una ventina d’anni a sentirmi raccontare del presepio di Greccio, ma questo piccolo dettaglio era sempre omesso (o addirittura mal interpretato). E invece è la cosa più importante!!

      1. Pura coincidenza… avevo appena finito un lavoro e ho guardato i readers e c’era un nuovo tuo post :oP

        Purtroppo questo fatto non è conosciuto… il Natale ha perso il senso e anche l’Avvento… se solo si facesse attenzione alle letture ci si accorge che non solo preparano alla venuta del Salvatore ma sono il preludio alla Pasqua, senza cui, Passione, Morte e Risurrezione non ci sarebbe tutta la storia della Salvezza :o)

        Ma Francesco è stata capace di leggere la “storia” come nessuno… Avvento:Nascita=Eucaristia:Pasqua

  3. Sì, direi he il poverello l’ha imbroccata giusta!
    Che Betlemme voglia dire “casa del pane”, che nella mangiatoia ci sia appunto qualcosa da mangiare; è una cosa che il nostro parroco ha ripetuto a iosa facendo il paragone con l’Eucaristia.
    Ma che dal segno si passi a celebrarci sopra effettivamente una Messa, beh, è una genialata!

    1. Ehi!!
      Che volesse dire “casa del pane” lo sapevo anch’io, ma non avevo mai fatto il collegamento con il pane consacrato… in effetti è geniale anche il tuo parroco, mica solo San Francesco!!

      1. :-P

        Gasp, è vero!
        Sulla questione “anno zero” ho una parziale giustificazione: nel senso che secoli fa, su Internet (mi pare fosse un qualche forum, ma non mi ricordo neanche bene) continuano onestamente a parlare di anno 1 d.C. e un paio d’altre persone mi avevano amichevolmente suggerito di – cito – “tirarmela di meno”, perché dire anno 1 sembrava uno sfoggio di cultura e un piccolo forum/bloggherello amatoriale su Internet non è il posto adatto per far vedere quanto sei bravo >.>
        In effetti era anche un’osservazione plausibile, da un certo punto di vista, ma una persona intelligente a questo punto eviterebbe proprio di mettere la data, invece di mettere una data sbagliata… :-PP

        Invece per la trade union non ho proprio giustificazioni!
        Però ho una domanda.
        Da voi non si dice?
        Perché io sono abituata a sentirlo usare ovunque come sinonimo di “filo conduttore”, anche se in effetti bisogna quantomeno leggere l’espressione in senso molto lato per darle questo significato. Però lo sento proprio usare di continuo!
        Anzi: ora che ci penso, lo sentivo usare di continuo a Torino. A Pavia, forse non m’è mai capitato di sentirlo usare in questa accezione.
        Dalle vostre parti non si dice proprio?
        Che sia un uso impreciso del termine, non ci piove: ma adesso mi è venuta la curiosità di sapere se è un uso impreciso diffuso in tutta Italia, o solo dalle mie parti! :-)

  4. Pingback: Una penna spuntata
  5. Scusa eh, ma secondo il calendario di Dionigi il Piccolo mi risulta che la nascita sarebbe nell’1 a.C.
    Che poi ci siano dubbi sulla precisione della data è un’altra storia.

    Per l’altra questione risulta che dunque non leggi le repliche indietro, perchè l’arcano era già stato svelato: l’espressione corretta è trait d’union. Vedi a non studiare il Francese? :-P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...